Friday, March 23, 2007

Mario Cipollini Celebrates 40th Birthday


Mario Cipollini raced for 17 seasons, amassing 189 victories. He won the World Championship, Milano-San Remo, and holds the record for most stage wins (42) in the Giro d'Italia. Today's interview from Gazzetta dello Sport:


I primi 40 anni di Cipollini
Oggi il compleanno: "Il mio ritiro nel 2005? Avrei potuto correre ancora, ma solo con i miei uomini: Scirea, Lombardi e Colombo. Ora ho scoperto le gioie della vita, la famiglia, le figlie. In futuro creerò un mio squadrone"


22 marzo 2007 - Mario Cipollini compie oggi 40 anni. Nel suo palmares, in 17 stagioni, ci sono 189 vittorie, tra cui un Mondiale, una Sanremo e il record di tappe vinte al Giro (42). Ma Re Leone è stato anche un grande personaggio, che con il suo carisma ha saputo catalizzare l’interesse di chi non seguiva il ciclismo.
- Cipollini, chi è il suo favorito per Sanremo? "Mi aspetto una Sanremo atipica, perché nelle prime corse di stagione non c’è stato un vero dominatore. Bettini, con le cadute alla Tirreno-Adriatico, non sappiamo cosa può essere. Per Petacchi qualcosa che non funziona c’è. Boonen alla Parigi-Nizza non ha vinto e s’è ritirato. Zabel è un osso duro. Bennati è quello che forse ha qualcosa in più".
- Freire l’ha dimenticato? "No, ma quando sta bene ha un’altra gamba".
- S’è mai pentito di essersi ritirato? "Avrei potuto correre ancora, ma con il mio vecchio gruppo. Con Colombo, Lombardi e Scirea si prendeva un giovane come Bennati e ci si divertiva. Una volta demolito questo gruppo, ho provato a integrarmi in una nuova realtà, ma è stato difficile".
- E reintegrarsi nella vita quotidiana? "Non è semplicissimo. Hai subito due sensazioni. La prima è di grande libertà, fai quello che vuoi, mangi quello che vuoi. Però ti mancano gli obiettivi. Poi scopri le gioie della vita, come andare a prendere le bimbe a scuola e portarle a nuoto o a danza. Ti fanno un sorriso e sei in pace col mondo".
- Che cosa fa adesso Cipollini? "Il 'mammo' a tempo pieno".
- E che cosa vorrebbe fare? "Non è un segreto che ho l’obiettivo di creare una mia grande squadra".
- Il momento più felice di questi primi 40 anni? "La nascita delle due figlie e il trionfo al Mondiale di Zolder 2002".
- Il momento più triste? "L’unico momento tragico è stato l’incidente a mio padre. S’è ripercosso anche sulla mia vita professionale".
- Ha un rimpianto? "La Sanremo del 2003. Quando Bettini è scattato sul Poggio non ho agito d’istinto. Eppure avevo le gambe per andargli dietro: vincere con la maglia iridata sarebbe stato il massimo".
- La scelta migliore? "Nella vita crearmi una famiglia. In bici avere scelto Lombardi come ultimo uomo".
- L’errore che non rifarebbe? "Non credo di avere commesso grandi errori. Ho sempre preteso tanto da me stesso, quindi vedere la negligenza degli altri mi faceva perdere le staffe".
- Come festeggerà? "Con una ristretta cerchia di amici. Con una pattuglia sceltissima".


Interview by Claudio Ghisalberti of Gazzetta dello Sport
Photo: Mario on his birthday

No comments:

Post a Comment

Post a Comment